Il brunello

Il brunello è un vino rosso D.O.C.G. prodotto nel comune di Montalcino in Toscana.

Il nome Brunello veniva usato nel Montalcino per definire una varietà d’uva, ma nel 1979 la Commissione della Provincia di Siena decise che il Sangiovese e il Brunello erano la stessa varietà d’uva, quindi a Montalcino il nome Brunello divenne il nome del vino che veniva prodotto con le uve Sangiovese.

La storia del Brunello nasce a metà ‘800 quando Ferruccio Biondi decise di riprendere le ricerche del nonno Clemente sull’uve Sangiovese. Dopo queste ricerche su accurate selezioni di uva Sangiovese, riesce a creare un nuovo vino, il Brunello. La scoperta del nuovo vino sconvolse un po’ tutti ed il successo non fu immediato, anche per il prezzo elevato di quel nuovo vino. Gli avvenimenti del XX secolo portarono ad un decadimento della produzione; solo pochissimi tennero viva la produzione tra le due guerre. Poi, dopo gli anni 50 la fama del Brunello si estese prima nell’Italia poi all’Estero. Nel 1966 venne riconosciuto D.O.C. e nel nel 1980 venne riconosciuto D.O.C.G.

Il Brunello ha un colore rosso rubino, tendente al granato con l’invecchiamento, il suo profumo è molto ampio e vario con sentore di frutti di bosco; il sapore è asciutto, armonico e ben sostenuto. L’eleganza di questo vino permette di abbinarlo a piatti strutturati come le carni rosse, la selvaggina, oppure anche con funghi e tartufi. Si può abbinare benissimo anche con dei formaggi strutturati. Ottimo vino da meditazione. 12.5% grado alcolico, da servire a 18-20° meglio se stappato 1-2 ore prima di essere servito.

Il Consorzio del vino Brunello di Montalcino è nato dopo il riconoscimento della D.O.C. al vino Brunello. Il Consorzio è un associazione libera dei produttori che vogliono tutelare il loro vino, ne fanno parte più di 200 cantine. Inoltre organizza degli eventi (sia in Italia sia all’Estero) e la partecipazione dei produttori alle fiere. Le più famose cantine che fanno parte del Consorzio sono Baricci, Abbadia Ardegna, Altesino e Argiano.

Le annate migliori del Brunello sono 1945 – 1955 – 1961 – 1970 – 1975 – 1990 – 1995 – 1997 – 2004 – 2006 – 2007 – 2010 – 2012.

Nel 2010 la rivista americana Wine Spectator ha messo al primo posto nella classifica delle 100 migliori bottiglie il Brunello. Inoltre è anche stato il vino più venduto nelle enoteche italiane quell’anno. Nel 2012 il Brunello ha venduto negli Stati Uniti il 25% del totale delle vendite estere (2,25 milioni di bottiglie, il doppio del 2008) ed entro il 2016 si prevede un aumento del 13%.

Lascia un Commento